Crea sito

Lé Betre (SE) vs King Buffalo (USA) & Samavayo (DE) vs The Grand Astoria (RU)

Lé Betre vs King Buffalo “Lé Betre / King Buffalo” (STB Records 2015)

Uno split album da ascoltare cavalcando fiumi di lava e strade impolverate, lebetrekingbuffalorocce aride e notti nel vuoto celeste. King Buffalo (Rochester, US) diventano un trio, rispetto al bellissimo “Demo” del 2013, Sean McVay è il nuovo cantante chitarrista e reinterpreta l’unica traccia della precedente incisione. I concetti si spingono in fumanti zaffate fuzz e grandi aperture interstellari. Lé Betre (Leksand, Sweden)  ritornano con tre pezzi dall’ ottimo “Melas” del 2014, amplificano le atmosfere, stile primi seventies, con due trascinanti gioielli heavy fuzz-fest come “Mother” e “Jesper Eriksson”. Europa e USA, progressioni blues e tempeste psych: a perfect marriage.

voto 7.5/10

 

Samavayo vs The Grand Astoria “Intergalactic Hunt / Kobaia Express” (Setalight Records)

Rock stoner band di Berlino, i Samavayo, suonano come un globo di fuoco-respirante nel firmamento. La porta di Brandeburgo è un dolmen splendente sotto cocenti raggi che aspettano di trapassare la quadriga e incendiarla. Insamavayo&grandastoriatergalact Hunt colpisce i colori ultravioletti disambiguando ritmiche pop con strutture in leghe pesanti. Soul Out Of Control luccica heavy riff, coadiuvato dalla voce di Behrang Alavi. Maestosi e incessanti.

La seconda parte dello split evoca i formidabili The Grand Astoria che concedono un tributo alla mitica band prog francese dei Magma. In lingua Kobaiana esplorano i riferimenti a quello che Christian Vander scrisse anticipando e ampliando, nel 1970, gli innumerevoli confini del rock. Kamille Sharapodinov tesse la sua tela tra alveari di suoni e ambienti ossessivo-fluttuanti. Kobaia Express avanza come un componimento estroso, giocato su cambi di direzione e affabili accordi, tenui colorazioni e forti sventagliate di sofisticata evoluzione.

Le intuizioni del passato che rigenerano genialità audaci e nuove linfe intellettuali.

voto 8/10

Sandro Priarone