Crea sito

The Muleskinners, The Artwoods, Downliner Sect, The Smoke, Tintern Abbey

“The Tapestry of Delights”

di Beppe Badino

 Frugando fra le recenti fioriture viniliche anni sessanta 
riprodotte in rigoroso formato 45 giri…

THE MULESKINNERS

“Knockout R&B With The Muleskinners” EP
(7”,  Re: Acid Jazz)

Il primo gruppo di Ian McLagan, pre Small Faces!

Nel 2010, nella sua ‘collana’ dedicata alle bands mod e R&B degli anni 60, la Acid Jazz Records ha pubblicato il megararo EP dei Muleskinners, originari di Twickenham, semileggendario primo gruppo con Ian McLagan (essi divisero spesso il palco del Crawdaddy MULESKINNERS Need Your Lovin' EPClub con i Rolling Stones e del Marquee Club con i Manfred Mann…)
Il disco, un extended-play 45 giri registrato nel 1964, include l’originale “Why Don’t You Write Back To Me?”, attrazione garage/mod!, e tre ‘great covers’: “Need Your Lovin’” (Ronnie Hawkins) e “Backdoor Man” (Willie Dixon), classici rhythm & blues virati in puro ‘primitivo 60s London style’ (penso a Stones, Yardbirds, Manfred Mann…) e “Untie Me” firmata Joe South, più pop e malinconica. Un ‘must’ per tutti i fans di Ian McLagan!
La pattuglia dei Muleskinners schierava Terry Brennan (vocals), Pete Brown (basso), Ian McLagan (chitarra ritmica, keyboards), Dave Pether (‘lead’ chitarra), Nick Tweddell (harmonica) e Mick Carpenter (batteria).

 

THE ARTWOODS

“Jazz In Jeans” EP
(7”, Re: Luna Blu)

Sogno proibito di molti collezionisti, “Jazz In Jeans” EP degli Artwoods, mitico oggetto anno 1966 del quintetto londinese guidato dal cantante Arthur Wood, rivive ARTWOODS  Jazz In Jeans EP  frontora nella riedizione curata dalla Luna Blu Records (l’originale uscì su Decca).

Il disco  include quattro pezzi, il remake di “These Boots Are Made For Walkin’” (già celebrata tempo prima da Nancy Sinatra), gli strumentali propedeutici “A Taste Of Honey” e “Our Man Flint” e, imbattibile perla della collana, “Routine”, una meraviglia garage/rhythm’n’blues firmata da Jon Lord (prossimamente leggendario trascinatore ‘Deep Purple’), all’epoca tastierista del gruppo. I rimanenti membri degli Artwoods, tutti piuttosto famosi, erano Derek Griffiths chitarra, Malcolm Poole basso e Keef Hartley batteria!

 

DOWNLINERS SECT

“Cadillac / Roll Over Beethoven”
(7, Penniman)

La spagnola Penniman Records, esperta in ‘escavazioni rock’, ha resuscitato DOWNLINERS SECT  Cadillac  45 giriuna rara coppia di canzoni del combo inglese Downliners Sect, ovvero le covers di “Cadillac” di Elias McDaniel (a.k.a. Bo Diddley!) e di “Roll Over Beethoven” di Chuck Berry tratte da un demo registrato nei Regent Sound Studios nell’estate 1963.

Materiale remoto, pre-primo album “The Sect”, che palesa le profonde radici rhythm’n’blues anni cinquanta di Don Craine e compagni. I temi vengono affrontati con rigogliosa vena giovanile e “Cadillac”, in particolare, racchiude i batteri delle future mutazioni del gruppo…

Personale: Keith Grant (basso, vocals), Don Craine (chitarra ritmica, vocals), Terry Gibson (‘lead’ chitarra), Johnny Sutton (batteria).

 

THE SMOKE

 “Dreams Of Dreams” EP
(2×7”, Re: Spoke)


Premessa: non confondere con l’altro omonimo gruppo ‘psych’ inglese degli anni 60, i più famosi e prolifici Smoke di “It’s Smoke Time” (LP)…
Finalmente ripubblicato (con bonus!) dalla Spoke Records “Dreams Of SMOKE Dreams of Dreams EP  Spoke Records RE 2014Dreams / My Birth”, l’unico singolo conosciuto – una vera megararità – siglato dai ‘nostri’ Smoke, quartetto psichedelico di Bury St. Edmunds (Inghilterra), disco originariamente uscito su Revolution Records nel 1970.
La bellissima confezione tramutabile in poster, ricca di notizie e foto, custodisce due vinili 45 giri con le primarie gemme “Dreams Of Dreams” e “My Birth”, roba ‘acida’ con fluttuazioni rock à la Free/Hard Meat, abbinate alle inedite “Happening Man” (c’è una chitarra solista spaziale!) e “I’m Yours And I’m Hers” (incandescente gemma hard & heavy), materiale registrato nel 1970 ma mai finora licenziato. Edizione limitata.

Gli Smoke erano formati da  Michael ‘Tuffy’ Ridgeon (vocals), Steven Vaughan-Williams (chitarra), Ted Chapman (basso) e Billy Gray (batteria).
Contatti: www.spokerecords.co.uk

 

TINTERN ABBEY

“Do What You Must” EP
(7”, Tintern Abbey)TINTERN ABBEY Do What You Must EP

Un raro e prezioso ‘settepollici EP’ postumo degli psichedelicisti inglesi Tintern Abbey, pubblicato privatamente nel 2006 da due membri del gruppo, Paul Brett e John Dalton, che include quattro canzoni originali inedite registrate su acetato nel periodo 1967/68.

Le colorate silhouettes di “Do What You Must”, “How Do I Feel Today”, “It Just That The People Can’t See” e “Naked Song” sfilano fra fascinose melodie popsike e spire allucinatorie come in un pellicola ‘cult’ che proietta immagini e figure tratte da scenari hippielands… Adorabili vibrazioni!

Personale: David MacTavish (vocals), Paul Brett (chitarra), Stuart MacKay (basso) e John Dalton (batteria).

Beppe Badino