Crea sito
content top

Sherpa (IT)

Sherpa (IT)

Sherpa

“Tanzlinde”

Sulatron Records (LP + CD)

Desiderio poetico e necessità di movimento, di svolgere in musica un’intuizione dinamica a cui dare un nome: Sherpa nuovo quintetto italiano (passando per Edith A.u.f.n.) formatosi in Abruzzo alle pendici del Gran Sasso in simbiosi con le montagne del Nepal. La prima visione si chiama “Tanzlinde” , una meraviglia avvolta nel mistero che si riflette audibilmente rivelandosi in un germogliare di suoni e invenzioni in sintonia con la felice fase creativa neopsichedelica planetaria di questi anni 2010. read more

Read More

Buried Feather (AUS)

Buried Feather (AUS)

Buried Feather

“Mind of the Swarm”

Cobra Snake Necktie Records / Kozmik Artifactz (LP + CD)

Psych rockers in continuo mutamento di immagini, colori, suoni. Dalla “Città Giardino”, Melbourne, le frequenze rimbalzano in un’odissea nevrotica di sabbia, vecchi garage rivisitati da infusi narcotici densi e filanti. read more

Read More

Playlist 2016

Playlist 2016

ALBUMS

1) THE MYRRORS “Entranced Earth” (Beyond Beyond is Beyond Records)
2) COMET CONTROL “Center Of the Maze” (Teepee Records)
3) THE CHEMISTRY SET “The Endless More and More” (Fruits De Mer Regal Crabomophone)
4) JOSEFIN ÖHRN + THE LIBERATION “Mirage” (Rocket Recordings)
5) THE WINSTONS “The Winstons” (AMS Records)
6) DREAMTIME “Strange Pleasures” (Cardinal Fuzz, Sky Lantern, Tym guitars)
7) MONDO DRAG “The Occultation Of Light” (Riding Easy Records)
8) GOAT “Requiem” (Rocket Recordings, Sub Pop)
9) THE LUCK OF EDEN HALL “The Acceleration Of Time” (TLOEH, Headspin Records)
10) THE HONEY POT “Inside The Whale” (Mega Dodo)

plenirockium_albums-top10_2016

SINGLES

1) FLOWERS MUST DIE “Sista Valsen” (12″EP Rocket Recordings) 2) BABA NAGA “Plná Krvy / DeificYen” (10″ Naughty God Records) 3) FIR

Summer Wasn’t There read more

Read More

Josefin Öhrn + The Liberation (SE)

Josefin Öhrn + The Liberation (SE)

Josefin Öhrn + The Liberation

“Mirage”

Rocket Recordings (LP + CD)

La grande liberazione attraverso l’udire nel Bardo, una promessa dal Libro Tibetano dei Morti. Un omaggio, un’ispirazione. Una forma di ascetismo che rincorre strade ricche di gelatina narcotica.

Josefin Öhrn e Fredrik Joelson si ripercuotono tra i tentacoli di Tago Mago (Can) e il lusso di un motorik scandito da un tamburello. Figli di una cosmica josefinrivoluzione planano tra gli strumenti dediti all’elettronica, compagni di altri figli che esplorano cieli apocalittici in teutonica essenza. I riverberi ipnotici scandiscono lati leggeri, ineluttabilmente sospesi tra dream-pop e malleabili scelte shoegaze. La voce di Josefin sussurra diavolerie immaginarie con sommesse melodie che incrociano Margaret Fiedler ai tempi dei Laika e Alex Gehring quando trilla nei Ringo Deathstarr. Forse per raccogliere la sfida di “guardare le scarpe” con le chitarre Spacemen 3 o le avanguardie di tematiche caustico-occulte. read more

Read More

Gnoomes (RU)

Gnoomes (RU)

Gnoomes

“Ngan!”

(Rocket Recordings)

In territori lontani ondeggiano sogni evoluti, idee e arte, che difficilmente traguardano la realtà ordinaria. Perm, città russa a più di mille km da Mosca, centro industriale petrolifero, chimico, metalmeccanico non determina particolari fantasie. Eppure Gnoomes (Alex Pyankov gnoomes7vocalist/basso , Pavel Fedoseev percussioni, Dmitriy Konyushevich chitarre), assorbono i segnali di una regione, quella degli Urali, in cui si costruisce il quinto centro per la ricezione delle informazioni spaziali oppure vive il recente ricordo del meteoroide KEF-2013. read more

Read More
content top