Crea sito
content top

Dreamtime (AUS)

Dreamtime (AUS)

Dreamtime

“Strange Pleasures”

TYM Records (Aus), Sky Lantern Records (U.S), Cardinal Fuzz (Europe) 2xLP

Australia, Aborigeni. Essi popolano la Down Under da sempre, ovvero dal Tempo del Sogno in cui gli Antenati Creatori, noti anche come Spiriti Antenati, vennero sulla Terra per creare. Gli Antenati erano esseri con grandi poteri, in virtù dei quali potevano far nascere dal nulla o annientare, modificare, qualsiasi cosa desiderassero, tramutare le forme del territorio e curare.
Il Tempo del Sogno fu rappresentato con il Sognare in terra. E così il Sognare ed il Tempo del Sogno sono un’unica cosa, ed è per questo motivo che spesso il popolo nativo non fa differenza fra Dreamtime e Dreaming. Il Sognare è però anche qualcosa che va ben al di là di ciò che è presente sul nostro pianeta. E’ un’area senza tempo, dove entrarvi richiede capacità specifiche oltre la semplice conoscenza umana. Uno sciamano, ad esempio, può farlo. Oppure il trip musicale dei Dreamtime, questa incredibile band di Brisbane formatasi sei anni fa con due meravigliosi album alle spalle. read more

Read More

Goat (SE)

Goat (SE)

Goat

“Requiem”

Rocket Recordings / Sub Pop (2xLP + CD)

Arrivato al termine di questo disco la reazione è stata la stessa di tanti anni addietro, appena finito di ascoltare “Forest” o “Babbacombe Lee”, una grande rilassatezza, un grande divertimento.
Adepti ondeggianti madidi di folk, specchiati sulle indicazioni delle comuni musicali anni 60/70, intimisti popolari. read more

Read More

Syd Arthur (UK) interview

Syd Arthur (UK) interview

bbc

SYD ARTHUR

REFLECTIONS FROM THE SOUND MIRROR

di Giampiero Fleba

Syd Arthur da Canterbury, Kent. Un nome come un gioco di sfumature per fantasticare tra Siddharta, Syd Barrett e Arthur Lee. Una musica come dinamica dell’esistenza su progressioni armoniche, repentine modulazioni, melodie avvolgenti. Una città da cui trarre linfa per riflettere un nuovo Canterbury sound nel mondo, in origine una scena musicale importante nata nei primi anni 60 con i leggendari Wilde Flowers e poi sviluppata da gruppi come Soft Machine, Gong e Caravan tra rock-jazz-blues-folk, espressione progressiva dialogante con i temi della sperimentazione e dell’improvvisazione dalla psichedelia alle avanguardie, in grado di offrire anche nuove idee di musica pop. Da queste radici Syd Arthur hanno liberato la propria identità artistica con classe e creatività supportata da una discografia originale composta in oltre dieci anni di intensa attività live – studio a partire dalla metà dei 2000. Alla vigilia del nuovo attesissimo album ripercorriamo la loro storia in questa intervista esclusiva con il bassista Joel Magill… read more

Read More

Me and My Kites (SE)

Me and My Kites (SE)

Me and my Kites

Is it Real or is it Made?

Porcelain Records (LP)

Al giro di boa degli anni 2010, la scena svedese si è decisamente affermata me and my kitestra le più creative del corso underground planetario. Una magnifica realtà di esploratori di cui fanno parte anche Me and My Kites, collettivo neo hippie dell’area di Stoccolma che si ripropone con il secondo album “Is It Real or is it Made?” sulla scia di un vento elettrico psych-folk variamente ispirato ed orientato nel diffondere una propria originalità. read more

Read More

Agusa (SE)

Agusa (SE)

Agusa

“Två”

(Kommun2)

Gli intrecci tra psichedelia e progressive fanno parte della storia del rock, la natura nordica e colta degli svedesi Agusa assomiglia ad una specie di sintesi sonora delle grandi scuole artistiche sopracitate. La miscela creata agusasostiene un tessuto costante e intrecciato dove il refrain viene considerato parte integrante dell’elaborazione, un contesto lineare di suggestioni quasi invisibili, percezioni cosmo-universali intinte con colori immaginari. Chimere dissolte in illusioni favoleggianti. read more

Read More
content top