Crea sito
content top

Playlist 2016

Playlist 2016

ALBUMS

1) THE MYRRORS “Entranced Earth” (Beyond Beyond is Beyond Records)
2) COMET CONTROL “Center Of the Maze” (Teepee Records)
3) THE CHEMISTRY SET “The Endless More and More” (Fruits De Mer Regal Crabomophone)
4) JOSEFIN ÖHRN + THE LIBERATION “Mirage” (Rocket Recordings)
5) THE WINSTONS “The Winstons” (AMS Records)
6) DREAMTIME “Strange Pleasures” (Cardinal Fuzz, Sky Lantern, Tym guitars)
7) MONDO DRAG “The Occultation Of Light” (Riding Easy Records)
8) GOAT “Requiem” (Rocket Recordings, Sub Pop)
9) THE LUCK OF EDEN HALL “The Acceleration Of Time” (TLOEH, Headspin Records)
10) THE HONEY POT “Inside The Whale” (Mega Dodo)

plenirockium_albums-top10_2016

SINGLES

1) FLOWERS MUST DIE “Sista Valsen” (12″EP Rocket Recordings) 2) BABA NAGA “Plná Krvy / DeificYen” (10″ Naughty God Records) 3) FIR

Summer Wasn’t There read more

Read More

The Winstons, Flowers Must Die, Beautify Junkyards

The Winstons, Flowers Must Die, Beautify Junkyards

THE WINSTONS

“Golden Brown / Black Shopping Bag”

AMS Records (7″)

E’ davvero una fortuna che i Signori Winstons (Enro, Rob e Linnon) winstons-7di Milano ci abbiano preso gusto a pochi mesi dall’omonimo album di esordio (tra le uscite top del 2016) realizzando due nuove gemme riflettenti maestria e sintonia con il presente underground. Parliamo anche di un crescente interesse per il Canterbury sound e per reimmaginare suoni fine ’60 primi ’70 dove le barriere tra i generi svanirono in un intrigante scenario di confluenze. read more

Read More

Syd Arthur (UK) interview

Syd Arthur (UK) interview

bbc

SYD ARTHUR

REFLECTIONS FROM THE SOUND MIRROR

di Giampiero Fleba

Syd Arthur da Canterbury, Kent. Un nome come un gioco di sfumature per fantasticare tra Siddharta, Syd Barrett e Arthur Lee. Una musica come dinamica dell’esistenza su progressioni armoniche, repentine modulazioni, melodie avvolgenti. Una città da cui trarre linfa per riflettere un nuovo Canterbury sound nel mondo, in origine una scena musicale importante nata nei primi anni 60 con i leggendari Wilde Flowers e poi sviluppata da gruppi come Soft Machine, Gong e Caravan tra rock-jazz-blues-folk, espressione progressiva dialogante con i temi della sperimentazione e dell’improvvisazione dalla psichedelia alle avanguardie, in grado di offrire anche nuove idee di musica pop. Da queste radici Syd Arthur hanno liberato la propria identità artistica con classe e creatività supportata da una discografia originale composta in oltre dieci anni di intensa attività live – studio a partire dalla metà dei 2000. Alla vigilia del nuovo attesissimo album ripercorriamo la loro storia in questa intervista esclusiva con il bassista Joel Magill… read more

Read More

Cranium Pie (UK) interview

Cranium Pie (UK) interview

cranium28

CRANIUM PIE

INTERSTELLAR OVERPIE

di Giampiero Fleba

Stars turn roundcranium11

I hit the ground

Spinning light signal now

Skies are clear

and the time is near

Take a trip to the Mothership somehow

(Mothership)

Plenirockium ancora sulle tracce di una magnifica band della playlist 2015 per offrirvi questa intervista esclusiva ai Cranium Pie, quintetto originario dell’Hertfordshire attivo dalla metà dei 2000 e tra i più creativi nel panorama underground contemporaneo. Tim Bray (tastiere, voce), Rob Appleton (tastiere), Julian ‘Smithy’ Smith (batteria), Dan ‘Dendrix’ Herra (chitarra) e Steve Meadows (basso) suonano una folle astronomia rock e possono essere seguiti anche a testa in giù nell’assenza di gravità generata da polifonie stellari su confluenze space-psych-jazz-prog-folk. Una storia che va raccontata dall’inizio nel giocoso conversare con i due maghi delle tastiere Tim Bray e Rob Appleton read more

Read More

Me and My Kites (SE)

Me and My Kites (SE)

Me and my Kites

Is it Real or is it Made?

Porcelain Records (LP)

Al giro di boa degli anni 2010, la scena svedese si è decisamente affermata me and my kitestra le più creative del corso underground planetario. Una magnifica realtà di esploratori di cui fanno parte anche Me and My Kites, collettivo neo hippie dell’area di Stoccolma che si ripropone con il secondo album “Is It Real or is it Made?” sulla scia di un vento elettrico psych-folk variamente ispirato ed orientato nel diffondere una propria originalità. read more

Read More
content top